Slide background
Slide background
home_bg3
home_bg7
home_bg4
home_bg6
home_bg8

Centro studi

Thursday 01 January, 1970


Thursday 01 January, 1970


In primo piano

Friuli Venezia Giulia in zona gialla

Monday 29 November, 2021

friuli-venezia-giulia-in-zona-giallaPublished in: Igiene e sicurezza

Con Ordinanza del 26 novembre scorso, il Ministero della Salute ha disposto, a partire da oggi, 29 novembre 2021, e fino al 13 dicembre p.v., il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla della Regione Friuli Venezia Giulia. Il resto del territorio italiano è, invece, collocato in zona bianca.

In base a quanto previsto dal D.L. c.d. "Super green pass", a partire da oggi, 29 novembre 2021, anche in zona gialla e arancione si applicano le misure previste per la zona bianca, dunque, le attività di ristorazione  potranno proseguire senza restrizioni orarie, né limitazione di persone allo stesso tavolo, fermo restando, tuttavia, che potranno consumare al tavolo al chiuso– oltre ai minori di 12 anni e i soggetti esonerati dalla vaccinazione – solo chi sia in possesso del green pass c.d. rafforzato. 

Tale condizione non si applica alle mense e al catering continuativo su base contrattuale, per i quali continuerà a trovare applicazione il green pass ordinario.

Potranno restare altresì aperte, verificando che i clienti abbiano il green pass rafforzato, le altre attività dei Pubblici Esercizi, tra cuisale da ballo, discoteche e locali assimilati,sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò.

Infine, è bene ricordare che per la zona rossa permane il più severo regime restrittivo ai sensi del quale le attività dei Pubblici Esercizi sono sospese (ad eccezione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale nonché degli esercizi siti nelle aree di servizio) mentre la ristorazione con delivery (senza limiti di orario) e take away (fino alle 22.00 e per i soggetti che svolgono come attività prevalente con codice Ateco 56.3 fino alle 18.00).

 

Per maggiori informazioni consulta la news Fipe e contatta la nostra Associazione territoriale a te più vicina!

 


GREEN PASS, FIPE-CONFCOMMERCIO AI RISTORATORI: “CONTROLLI RIGOROSI PER FERMARE IL VIRUS E SCONGIURARE NUOVE CHIUSURE”

Monday 29 November, 2021

green-pass-fipe-confcommercio-ai-ristoratori-controlli-rigorosi-per-fermare-il-virus-e-scongiurare-nuove-chiusurePublished in: Note per la stampa 2021

 

Roma, 29 novembre 2021 –I pubblici esercizi devono fare la loro parte affinché le restrizioni individuali imposte dal governo attraverso il super green pass durino il meno possibile. Per raggiungere l’obiettivo serve il massimo della responsabilità anche da parte dei gestori dei locali che devono effettuare controlli rigorosi sui certificati di chi vuole consumare al tavolo all’interno di bar e ristoranti come peraltro è previsto dalla legge. Per comprendere quanto sia seria la situazione basta guardare a quello che sta avvenendo poco oltre i confini nazionali in Austria, Germania ed Olanda. Questa ulteriore recrudescenza del virus va contrastata ad ogni livello perché oltre alla tutela della salute nessun imprenditore può correre il rischio che si riapra la stagione delle misure restrittive nei confronti delle imprese. Dobbiamo puntare al 100% dei controlli anche se questo richiede impegno organizzativo e talvolta ci espone ai malumori di una parte della clientela che mal sopporta il fastidio di essere controllata. Ma siamo in una fase in cui tutti devono dare prova di grande responsabilità”.

Così Fipe-Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, che nel fine settimana ha distribuito presso i propri associati un cartello informativo con le nuove misure restrittive, in base ai diversi colori delle regioni.